martedì 9 marzo 2021

CATALOGNA | L’Europarlamento revoca l’immunità ai deputati catalani in esilio.

Nuvole nere si addensano sull’Europa, scure e foriere di repressione si dipanano dagli scranni dell’emiciclo europarlamentare a Bruxelles per finire sulle terre di Catalogna.

Nere come la ventata di “neofranchismo” che pervade, da oggi non più solo la Spagna ma anche un’Europa sempre più fogna del nazionalismo, anziché culla delle libertà delle persone e dei suoi popoli.

In Belgio il Parlamento Europeo, riunito in seduta plenaria, ha votato, a scrutinio segreto, per rimuovere l’immunità parlamentare di tre eurodeputati catalani, l’ex presidente catalano Carles Puigdemont e i suoi ex ministri Clara Ponsati e Toni Comin, come richiesto dalla magistratura spagnola per poter procedere contro di loro come già ha fatto nei confronti degli altri esponenti indipendentisti condannati a diverse pene detentive per “reati” legati allo svolgimento del referendum per l’indipendenza dell’ottobre 2017.
La revoca apre la strada per Madrid onde poter riattivare i mandati d’arresto europei finora rifiutati dal Belgio.

In una votazione a scrutinio segreto svoltasi ieri sera ma rivelata solo questa mattina, più di 400 eurodeputati hanno votato per revocare la loro immunità, quasi 250 contrari e più di 40 deputati si sono astenuti.
Puigdemont dovrebbe sollevare la questione alla Corte di giustizia europea (CGUE) dopo che è trapelata ai media una relazione della commissione giuridica del parlamento che raccomandava la rimozione della loro immunità.

Questa è la terza volta che la Corte Suprema spagnola ha provato a farli estradare, dopo che precedenti tentativi erano falliti in Scozia, Belgio e Germania.
La perdita della loro immunità non influirà sul loro status di deputati al Parlamento europeo, che manterranno fino a quando non saranno esclusi dall’incarico dopo un’eventuale condanna.

“Oggi è un giorno triste per il Parlamento europeo, noi abbiamo perso la nostra immunità ma il Parlamento europeo ha perso molto di più. Questo è un caso di persecuzione politica”. Così Puigdemont nel corso di una conferenza stampa dopo il voto dell’Eurocamera a Bruxelles.

Se da un lato la repressione del “nazionalismo neofranchista” è arrivata fino all’Europarlamento in Catalogna un giudice di sorveglianza ha stabilito la revocato lo status di semilibertà di cui godevano diversi degli esponenti indipendentisti condannati per reati legati al referendum quali Oriol Junqueras, Joaquim Forn, Raül Romeva, Jordi Turull, Josep Rull, Jordi Sànchez e Jordi Cuixart, che dovranno pertanto rientrare in carcere e restarci fino all’espiazione delle loro pene detentive.
Un brutto segnale, una spregevole forzatura, l’ennesimo attacco alle libertà sul quale tacere è rendersene complici.

martedì 12 gennaio 2021

#INTERNAZIONALE | ECCO A VOI LA BREXIT


Nella foto lo "screenshot" di una newsletter di un brand britannico arrivata stamane nella quale si scusano per non poter al momento spedire merce verso i clienti europei causa Brexit, ovvero i problemi generati dal fatto di non far più parte di un libero spazio di libero commercio senza dazi, gabelle e dogane.

"A Noi cazzo cene! noi compriamo itagliano, ciabbiamo pure il casbec!!!" si apprestano a scrivere i vari sovratonti adoratori dell'italexit, peccato che gli scambi commerciali tra la sola italia ed il regno unito (unito per adesso) ammontino a oltre 35 miliardi di euro, di cui 25 di esportazioni italiane verso la perfida albione (come piace chiamarla ad alcuni di cui sopra).

Scambi che rischiano di subire un blocco o comunque dei contraccolpi in entrambe le direzioni, con evidenti e palesi effetti sull'economia e l'occupazione di questo paese (inteso come l'entità statale attuale, non certo quella agognata da molti da queste parti) con buona pace di certi "economisti" che passano da un convegno del partito comunista a scranni parlamentari sovranisti.

Una prospettiva che rende chiaro come un'eventuale italexit avrebbe come immediata conseguenza un impatto negativo sulle esportazioni, ovvero l'unica "voce" economica che ha tenuto a galla l'Italia negli ultimi 10 anni.
Impatto che non sarebbe per nulla assorbito da una moneta svalutata rispetto all'euro (altra conseguenza inevitabile di un'uscita dall'UE sarebbe il ritorno alla lira) dato che i dazi e gabelle che graverebbero sulle merci tricolori ne smorzerebbero ogni minimo effetto benefico, per non parlare poi dell'inflazione importata e altri deleteri effetti di stampo "argentino".

giovedì 19 novembre 2020

#ECONOMIA | Il “Nord” ancora di fronte al bivio: Europa o Africa?

 Articolo per "La Voce del Nord"

“Dal 2008 ad oggi il divario tra le economie dell’Europa settentrionale e meridionale è costantemente aumentato, con le prime che sono cresciute a una velocità di gran lunga superiore alle seconde. Questo gap via via sempre maggiore ha comportato uno spostamento del centro economico dell’Unione Europea sempre più verso Nord, con buona pace degli obiettivi Ue sulla convergenza economica e sulla eliminazione progressiva delle asimmetrie tra i Ventisette.”

Così scrive una ricerca dell’Institut der Deutschen Wirtschaft, istituto per la ricerca economica con sede a Colonia, ripresa da un articolo a firma di Claudio Paudice sull’Huffington Post. Il quale riporta come tra il 2008 ed il 2019 a fronte di una incremento del PIL nordeuropeo del 37,2% al sud (per intenderci Portogallo, Spagna, Italia tutta, ecc.) solo del 9,9%.

Prosegue l’articolo ricordando come “La ricerca individua gli spostamenti del fulcro economico (cioè il punto dal quale la produzione economica aggregata è più o meno uguale in tutte le direzioni) in Europa negli ultimi vent’anni. Partendo dal centro geografico (collocato nel Sud della Germania) quello economico viene ricalcolato in base all’andamento della produzione delle regioni europee. L’esercizio serve naturalmente a fotografare una tendenza: nel 2000 il centro economico europeo si colloca a metà strada tra Offenburg e Friburgo, a cavallo del confine franco-tedesco.”

Per finire mostrando come: ”Secondo la ricerca di questo passo il centro economico europeo si sposterà sempre di più verso il Nord, allontanandosi dal centro geografico. Stando ai calcoli fatti da Kauder, infatti, tra venticinque anni il cuore della ricchezza dell’Unione Europea si inoltrerà ancora più in territorio tedesco di 200 chilometri, posizionandosi a Mannheim, città del Baden-Württemberg, verso Francoforte. Nulla di incoraggiante per le economie del Sud.”

Questi i numeri e le previsioni su cui basare considerazioni, analisi e progettare azioni per “evitare” che lo scenario prospettato possa realizzarsi in concreto. I cosiddetti “sovranisti”, che preferisco peraltro definire “sovratonti”, prenderebbero la palla al balzo farfugliando come sarebbe ovvio e doveroso uscire dall’Euro e dall’Unione Europea, tornare alla liretta e vivere di svalutazione. Una prospettiva deleteria e cialtronesca che vede nell’Argentina un valido esempio di messa in atti di tali “politiche”.

Passando a prospettive serie giova preliminarmente ricordare altri dati, vale a dire quelli sull’ammontare dello scambio commerciale, ad esempio della Lombardia, nei confronti dell’UE in generale ammonti a 161 miliardi, dei quali ben 44 con la sola Germania. Numeri che ne fanno più un Lander teutonico che una Regione italica…

Un legame forte e stretto nato in decenni di collaborazione e affari del tessuto economico e imprenditoriale che hanno permesso alla Lombardia di divenire uno dei “Motori d’Europa”, seppur gravato da una zavorra dal nome “stato italiano”. Un motore che rischia di divenire sempre più marginale se mai le previsioni dello studio tedesco dovessero avverarsi.

Un “motore” che non può permettersi di sganciarsi dagli altri a nord delle Alpi, pena il progressivo scivolamento verso altre latitudini levantine con conseguente impoverimento e declino economico nonché sociale.

Un “motore” i cui “pistoni” fatti da artigiani, pmi, grandi aziende, professionisti e corpo sociale da sempre vede nella collaborazione, nello scambio e nell’integrazione con le aree più avanzate e produttive del continente non certo un luogo oscuro da cui scappare ma bensì la sua naturare collocazione.

Un “motore” troppo spesso “gigante economico” ed al contempo “nano politico” che deve soprattutto oggi alzare la sua voce nei confronti di decisori politici che non sembrano affatto rendersi conto dei problemi di queste aree facenti parte protempore dell’entità statali italiana, le cui uniche risposte in questi mesi sono stati banchi a rotelle, bonus per monopattini ed ennesimi sgravi per il sud.

Un “motore” orfano di rappresentanza politica vera, per la rinuncia di alcuni non certo per una sopravvenuta scomparsa delle necessità e prospettive che da sempre vi risiedono, ormai di fronte ad un bivio le cui uniche direzioni proposte sono: Europa o Africa. Una delle quali è la strada che “naturalmente” il motore vuole imboccare e l’altra quella cui sarà destinato suo malgrado se non saprà sganciarsi dal solito e onnipresente baraccone.

giovedì 29 ottobre 2020

REPRESSIONE | Nuovi arresti in Catalogna per “crimini” legati al processo indipendentista.

Articolo per "La Voce del Nord"

In un’importante operazione di polizia, svoltasi in tutta la Catalogna, gli agenti della “Guardia Civile” spagnola hanno arrestato 21 persone che, a loro avviso, avrebbero preso parte alla deviazione di fondi pubblici verso il Belgio per “finanziare” le attività dell’ex presidente catalano Carles Puigdemont, in un caso che si suppone sia anche collegato alla piattaforma di protesta pro-indipendenza “Tsunami Democràtic”.

Tra gli arrestati questo mercoledì, per presunto uso improprio di fondi pubblici, abuso d’ufficio e riciclaggio di denaro, ci sono diversi esponenti dei partiti politici catalani CDC ed ERC: David Madí, Xavier Vendrell e Oriol Soler. Un altro arrestato è stato Josep Lluís Alay, capo dell’ufficio politico di Puidemont in Belgio, che è già stato poi rilasciato.

Sono state effettuate 31 perquisizioni in otto distretti giudiziari in tutta la Catalogna. Oltre ai reati legati alla corruzione, il tribunale contesta presunti reati contro l’ordine pubblico, il che potrebbe implicare un collegamento dell’intera operazione con la piattaforma di protesta “Tsunami Democràtic” che ha operato alla fine del 2019. A differenza di altre operazioni di polizia, inerenti al processo di indipendenza, questa volta i reati di terrorismo non sono inclusi nelle accuse. Le denunce di tali crimini causerebbero automaticamente il trasferimento del caso al tribunale delle udienze nazionali di Madrid.

La presunta rete oggetto di indagine riguarda una presunta appropriazione indebita di fondi da parte dell’ente provinciale di Barcellona, ​​la Diputació, nonché l’esistenza di una rete che collegherebbe il finanziamento del processo di indipendenza tramite fondi pubblici, il gruppo Tsunami, i rapporti con la Russia e un presunta operazione di vendita di proprietà. Gli arrestati sono uomini d’affari catalani legati agli ex governi della Catalogna, ai partiti politici ERC o CDC (Convergència Democràtica, predecessore dell’attuale JxCat), o legati a leader indipendentisti, in particolare con il presidente in esilio Carles Puigdemont.

Josep Lluís Alay, capo dell’ufficio di Puigdemont a Waterloo in Belgio, è stato rilasciato dopo essere stato accusato di abuso nell’utilizzo di fondi pubblici. Parlando alla stazione radio RAC1 dopo il suo rilascio, ha detto di essere calmo e quando gli è stato chiesto del crimine di cui era accusato, ha detto “il solito”. Alay ha denunciato l’operazione come “persecuzione della causa indipendentista”.

L’indagine dalla quale sono scaturite le perquisizioni e gli arresti è diretta dal tribunale numero 1 di Barcellona e ​​fa parte di un caso aperto nel 2016 e fino ad oggi mantenuto riservato. Il caso originale era relativo a presunti crimini di corruzione nell’autorità provinciale della Diputació di Barcellona.

mercoledì 14 ottobre 2020

SCOZIA | Record di sostegno per l’indipendenza scozzese, il fronte del Sì al 58%.


Articolo per "La Voce del Nord"

La società Ipsos-Mori ha rilevato come il Sì all’indipendenza sia stimato oggi al 58% si coloro che si recherebbero alle urne per un secondo referendum.

E quasi due terzi – il 64% – degli scozzesi afferma che il governo britannico dovrebbe consentire che si tenga un altro referendum sull’indipendenza entro i prossimi cinque anni se il Partito Nazionale Scozzese dovesse ottenere la maggioranza dei seggi alle elezioni del parlamento di Edinburgo, fissate per il 2021.

I risultati provengono da una ricerca condotta dallo Scottish Political Monitor di Ipsos MORI, in collaborazione con STV News e segnano il più alto livello di sostegno pubblico per il cambiamento costituzionale mai registrato.

La ricerca rivela inoltre che l’SNP ha un “vantaggio molto forte” nelle intenzioni di voto arrivando ben oltre il 50%, mentre i Conservatori sono stimati al secondo posto con il 19% ed i Laburisti al 13%.

Per quanto riguarda gli argomenti sul futuro assetto costituzionale, i due “più convincenti” per il cambiamento sostengono come Scozia e all’Inghilterra desiderino futuri politici diversi e una mancanza di fiducia in Westminster nel suo agire nell’interesse della Scozia.
D’altra parte, quelli più persuasivi sul lato No sono legati all’appello emotivo sulla comunanza e al rischio percepito per il lavoro e l’economia.

Un altro sondaggio pubblicato oggi da Progress Scotland mostra che tre quarti delle persone voterebbero Sì se fossero convinti che l’indipendenza possa aumentare le fortune del paese.

Emily Gray, amministratore delegato di Ipsos MORI Scozia, ha dichiarato: “Il nostro ultimo sondaggio metterà in moto il passo dei nazionalisti e sarà una lettura cupa per gli unionisti. Il pubblico scozzese si è spostato ulteriormente verso il sostegno a una Scozia indipendente, con numeri record per il sì”.

“Il nostro sondaggio suggerisce che ci sarà una significativa pressione pubblica affinché il governo britannico trasferisca i poteri al parlamento scozzese per tenere un secondo referendum sull’indipendenza se l’SNP otterrà la maggioranza alle elezioni scozzesi del prossimo anno”.

Il deputato leader del SNP Keith Brown ha dichiarato: “Questo è un sondaggio fondamentale che mostra che l’indipendenza è ormai diventata la volontà consolidata della maggioranza delle persone in Scozia. Di fronte al governo caotico e incompetente di Boris Johnson e ad un sistema di Westminster che, nella migliore delle ipotesi, tratta la Scozia come un ripensamento, sempre più persone decidono che la via migliore per la Scozia è come un paese uguale e indipendente.

“E se ci sarà una chiara maggioranza per i partiti pro-indipendenza e pro-referendum nelle elezioni del prossimo anno – come questo sondaggio mostra che ci sarebbe con un margine considerevole – allora nessun Tory o alcun governo del Regno Unito ha il diritto di mettersi in mezzo.
Molto semplicemente, in quelle circostanze, i conservatori mancherebbero di qualsiasi autorità morale o democratica per cercare di bloccare la volontà del popolo, e non reggerebbero”.

Il co-leader dei Verdi Patrick Harvie ha commentato: “Questo sondaggio mostra anche il sostegno all’indipendenza nel suo punto più alto in assoluto. È più chiaro che mai che il Regno Unito semplicemente non sta lavorando per la Scozia e che dobbiamo prendere il nostro futuro nelle nostre mani per costruire una Scozia migliore.”

lunedì 28 settembre 2020

CATALUNYA | Condannato Quim Torra, Catalogna verso nuove elezioni nel 2021


Articolo per "La Voce del Nord"

Era un “segreto di Pulcinella” e finalmente questa mattina è stato ufficialmente svelato. La Corte Suprema di Madrid ha ratificato la sentenza di condanna del presidente della “Generalitat” catalana Quim Torra che sarà di conseguenza inabilitato dallo svolgere il proprio incarico di presidente. La Corte Suprema ha condannato Torra ad un anno e mezzo di inabilitazione e ad una multa di 30.000 euro per reato di disobbedienza.

La sentenza di 133 pagine conferma al suo interno come lo stesso Torra abbia “ostinatamente e ostinatamente” disobbedito al Consiglio centrale elettorale, incaricato di garantire la neutralità dei poteri pubblici alle elezioni, nel non aver rimosso alcuni striscioni di solidarietà ai prigionieri politici catalani, affissi sulla facciata della sede del governo regionale a Barcellona, nel mentre di una tornata elettorale.

La sentenza è stata resa pubblica verso mezzogiorno ed ora, una volta notificato il tutto al Presidente, si metteranno in funzione tutti i meccanismi e procedure per la sostituzione ad interim di Torra alla Generalitat e l’indizione delle elezioni nel primo trimestre del 2021.

La sentenza, pronunciata dal magistrato Juan Ramón Berdugo, mette in luce che l’oggetto del procedimento “non è l’esposizione di certi simboli o striscioni di una certa opzione politica, ma il loro uso nei periodi elettorali, disobbedendo a quanto previsto dal Consiglio Elettorale Centrale che, nell’esercizio delle sue funzioni ne vieta l’uso, in violazione del principio di neutralità a cui devono sottostare le amministrazioni in generale”.

L’avvocato del presidente, Gonzalo Boye, da parte sua aveva sostenuto nell’udienza di appello del 17 settembre scorso, che una persona può essere privata della sua posizione pubblica e della sua partecipazione politica solo quando si rende colpevole di un reato grave. “E non stiamo affrontando un crimine grave”.

venerdì 18 settembre 2020

CATALUNYA | Quim Torra alla Corte Suprema di Madrid: “Non sarò io a indire irresponsabilmente le elezioni catalane”

Articolo per "La Voce del Nord"

Totale fermezza da parte del presidente della Catalogna, Quim Torra, dopo l’udienza tenutasi questo giovedì alla Corte Suprema di Madrid. “Non sarò io a guidare il Paese in una corsa elettorale irresponsabile che paralizzerebbe l’amministrazione catalana”, ha annunciato dalla delegazione del governo catalano a Madrid, a seguito delle richieste di ieri di quasi tutti i partiti spagnoli per le elezioni al parlamento catalano.

“Sono venuto a Madrid per guardare negli occhi il tribunale che vuole far cadere un altro presidente del governo della Catalogna. Sono venuto a Madrid per spiegare loro che non hanno il diritto o la giustificazione per farlo e che lo siamo non hanno paura di loro. Sono venuto a Madrid per ricordare loro che la nostra causa ha una lunga storia e continuerà fino alla fine: una Repubblica libera e giusta per tutti i catalani”, ha affermato dopo l’udienza di appello, incentrata sull’opportunità o meno squalificarlo dall’incarico per aver appeso uno striscione sul palazzo del governo catalano nel 2019. La decisione del tribunale è attesa tra circa due settimane.

Tuttavia, Torra ha ammesso che non avrebbe “mai” posto un “ostacolo a nulla”. “Ho accettato la carica di presidente per servire il mio paese in un momento molto difficile. Non ho ambizioni personali che potrebbero intralciare il progetto ampio e collettivo per raggiungere l’indipendenza”, ha dichiarato. Il presidente catalano ha affermato che “la battaglia contro Covid” è la sua “unica preoccupazione”.

Il presidente ha voluto chiarire che l’udienza odierna non riguarda una punizione contro di lui per uno striscione, “è una punizione per un intero Paese nel mezzo di una pandemia”. “È così che dimostrano il loro amore per la Catalogna, che vogliono rendere schiava, insieme alla sua gente”, ha aggiunto, avvertendo che continuerà a lavorare “fino all’ultimo” fino all’entrata in vigore della sua squalifica.

La sfida per la Spagna
Torra ha anche lanciato una sfida alla Spagna: “L’atteggiamento dimostrato dallo Stato spagnolo nei confronti del movimento indipendentista catalano nei prossimi mesi getterà le basi morali ed etiche per il suo futuro. Senza una rettifica ferma e urgente, la Spagna suggellerà il suo fallimento. come uno stato europeo moderno”, ha avvertito.

Il leader del governo catalano aveva anche messaggi per il popolo catalano: “Non aspetteremo il cambiamento nello stato spagnolo per esercitare il nostro diritto inalienabile. Se la maggioranza dei catalani desidera costruire una Repubblica libera, questa espressione pacifica e democratica prospererà. Non ne dubito per un momento”, ha detto.

“Che bugia”
“Che bugia.” Così Torra ha definito lo slogan unionista che in Spagna “si potrebbe discutere ogni progetto democratico e pacifico”. Ha consegnato una lunga lista di azioni che, ha detto, hanno dimostrato che questa affermazione spagnola è falsa: la persecuzione del presidente Carles Puigdemont, la negazione del seggio al Parlamento europeo vinto dal vicepresidente catalano Oriol Junqueras, gli esiliati, i prigionieri politici e la protezione. di “un criminale franchista come Martín Villa”, tra gli altri.

“Questo è lo Stato spagnolo ed è così che ci incanta a rimanere in rapporti amichevoli. Uno Stato incapace di riformare o essere riformato in alcun modo. Uno Stato che ribalta la legislazione sociale ogni volta che viene approvata dal Parlamento della Catalogna”, ha denunciato.

venerdì 28 agosto 2020

TASSE | In 20 anni tasse aumentate di 166 miliardi, con lo STATO primo “gabelliere”


Articolo per "La Voce del Nord"

NEGLI ULTIMI 20 ANNI ABBIAMO PAGATO 166 MILIARDI DI TASSE IN PIÙ. A SPREMERCI MAGGIORMENTE E’ STATO L’ERARIO, SINDACI E GOVERNATORI MOLTO MENO

Negli ultimi 20 anni le entrate tributarie sono aumentate di 166 miliardi di euro. Se nel 2000 l’erario e gli enti locali avevano incassato 350,5 miliardi di euro, nel 2019 il gettito, a prezzi correnti, è salito a 516,5 miliardi. In termini percentuali, la crescita in questo ventennio è stata del 47,4 per cento, 3,5 punti in più rispetto all’aumento registrato sempre nello stesso arco temporale dal Pil nazionale espresso in termini nominali (+43,9 per cento). A dirlo è la CGIA.

A lanciare alcune osservazioni ci pensa il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo:

“Qualcuno può affermare con certezza che grazie a 166 miliardi di tasse in più versati in questi ultimi 20 anni la macchina pubblica è migliorata? In altre parole, la giustizia, la sicurezza, i trasporti, in particolar modo quelli a livello locale, le infrastrutture, la sanità e l’istruzione sono oggi più efficienti di allora ? Oppure, famiglie e imprese sono state obbligate a pagare di più e hanno ricevuto dallo Stato sempre meno ? Non abbiamo dubbi. Tra le due ipotesi ci sentiamo di avvalorare quest’ultima, anche perché questo maxi prelievo ha impoverito il Paese, provocando, assieme alle crisi maturate in questo ventennio, una crescita dell’Italia pari a zero che nessun altro paese del resto d’Europa ha registrato”.

Se il conto lo hanno pagato i contribuenti italiani, i vantaggi, invece, sono andati soprattutto all’erario e in minima parte a Regioni ed enti locali.

“Nell’immaginario collettivo – afferma il segretario Renato Mason – si è diffusa l’idea che in questi ultimi anni Governatori e Sindaci sarebbero diventati, loro malgrado, dei nuovi gabellieri, mentre lo Stato centrale avrebbe alleggerito la pressione fiscale nei confronti dei contribuenti. In realtà le cose sono andate diversamente. Se è vero che negli ultimi 20 anni le tasse locali sono aumentate del 37,1 per cento, quelle incassate dall’Amministrazione centrale sono cresciute del 49,3 per cento. In termini assoluti, dalle Regioni e dagli enti locali abbiamo subito un aggravio fiscale di 20,3 miliardi, mentre il peso del fisco nazionale è salito di 145,7 miliardi. In altre parole, se dal 2000 le imposte locali hanno cominciato a correre, quelle erariali sono esplose, con il risultato che i contribuenti italiani sono stati costretti a pagare sempre di più”.

In attesa che il Governo presenti la riforma fiscale che consenta una drastica riduzione della pressione tributaria, i dati appena descritti consentono all’Ufficio studi della CGIA di fare una riflessione anche sul tema dell’autonomia differenziata. Un argomento, quest’ultimo, che negli ultimi mesi, anche a seguito della crisi pandemica, pare sia stato rimosso dall’agenda politica dell’Esecutivo guidato da Conte.

“In questi ultimi anni – conclude Paolo Zabeo – il tema dell’autonomia differenziata è stato vissuto come una contrapposizione tra Nord e Sud del Paese, invece, è una partita che si gioca tra il centro e la periferia dello Stato. Tra chi vuole un’Amministrazione pubblica che funzioni meglio e costi meno e chi difende lo status quo, perché trasferendo funzioni e competenze ha paura di perdere potere e legittimità. E per conservare posizioni che non sono più difendibili, i proponenti di questa riforma sono stati accusati di voler impoverire ulteriormente le realtà territoriali più in difficoltà del Paese”.

domenica 23 agosto 2020

⚔️ In Loving Memory of Sir William Wallace ⚔️


“...William Wallace was born in the 1270s in Elderslie in Renfrewshire into a gentry family. Very little is known about his early years and there are significant periods of his life for which there are no reliable sources.

In 1296, Edward I of England had taken advantage of a succession crisis in Scotland and imposed himself as ruler with an English administration. Within months, Scottish unrest was widespread.

In May 1297, Wallace attacked the town of Lanark, killing the English sheriff and unrest quickly became full-blown rebellion. Men flocked to join Wallace and he began to drive the English out of Fife and Perthshire. In September 1297, Wallace defeated a much larger English force at the Battle of Stirling Bridge. This and subsequent military successes severely weakened the English hold on Scotland. Wallace then launched raids into England. In late 1297 or early 1298 he was knighted and appointed 'guardian of the kingdom' in the name of John Balliol, the deposed king of Scotland.
The shock of the defeat at Stirling rallied the English around Edward, who marched north with an army. Wallace's strategy was to avoid confrontation and gradually withdraw. He destroyed the countryside as he went, forcing Edward to march deeper and deeper into Scotland. In July 1298, the Scottish and English armies met near Falkirk, and the Scots were defeated. Wallace escaped and little is known of his movements, but at some stage he resigned the guardianship and was succeeded by Robert Bruce and John Comyn.

Wallace then went abroad, notably to France, to seek support for the Scottish cause. He returned to Scotland in 1303. In his absence Robert Bruce had accepted a truce with Edward I and, in 1304, John Comyn came to terms with the English as well. Wallace was excluded from these terms and the English king offered a large sum of money to anyone who killed or captured him. Wallace was seized in or near Glasgow in August 1305, and transported to London. He was charged and tried with treason, which he denied, saying he had never sworn allegiance to the English king. His execution was held on 23 August, where he was hung, drawn and quartered. His head was placed on London Bridge, and his limbs displayed in Newcastle, Berwick, Stirling and Perth...”