lunedì 11 novembre 2019

SPAGNA | Dalle elezioni più forte la contrapposizione tra autonomia e centralismo.


Articolo per "La Voce del Nord"

Nella giornata di ieri, come avrete già letto suo giornali e ascoltato nei notiziari di radio e tv, si sono svolte le elezioni politiche in Spagna, le ennesime consultazioni il cui esito ha generato un parlamento senza una chiara maggioranza.

Da un lato il Partito Socialista ha confermato il 28% delle precedenti consultazioni, i Popolari hanno recuperato terreno superando quota 20% mentre a uscire ridimensionate sono state le due formazioni che avevano caratterizzato con la loro novità il panorama politico spagnolo degli ultimi anni, vale a dire Podemos e Ciudadanos.

Ad uscire rafforzata è stata la destra estrema di Vox, partito guidato da Santiago Abascal, che ha raggiunto il 15% proponendo un programma nel quale chiede un ritorno ad una costituzione che cancelli le autonomie regionali per centralizzare tutto il potere a Madrid.

Gli osservatori sono concordi nel dire che Vox deve molto del suo successo allo «strappo» della Catalogna e la richiesta di indipendenza da parte della Generalitat di Barcellona. Abascal definì il referendum indipendentista « un colpo di stato» e una ferita all’unità della Nazione.

In Catalogna il primo partito è la Sinistra repubblicana, il cui leader Oriol Junqueras è in galera; risalgono gli indipendentisti duri di Junts per Catalunya di Carles Poudjemont. Con gli autonomisti delle Canarie e della Cantabria, si affacciano in Parlamento pure il Blocco galiziano e la lista che ricorda: «Teruel existe!».

Risultati questi ultimi che visti in combinazione con quelli di Vox, che in Galizia e Paesi Baschi non eleggono nessun deputato e sono ai margini in Catalogna, mostrano come una nuova contrapposizione sia emersa dalle urne. Da un lato i popoli oggi rinchiusi nello stato spagnolo che chiedono autodeterminazione, autonomia, libertà e indipendenza e dall’altro la reazione di coloro che da sempre negano libertà e diritti nel nome di un centralismo visto come strumento per proseguire nel controllo delle risorse e ricchezze che galiziani, baschi e catalani producono ogni anno. Con ogni evidenza il concetto di residuo fiscale non è prerogativa esclusivamente lombarda e veneta.

lunedì 14 ottobre 2019

CATALOGNA | Condannati dalla Corte Suprema di Madrid gli indipendentisti catalani.


Articolo per "La Voce del Nord"

La Corte Suprema di Madrid ha emesso stamane la sentenza per il processo che vedeva imputati diversi esponenti dell’indipendentismo catalano. Dure pene per il reato di sedizione, con condanne che vanno dai 9 ai 13 anni hanno colpito gli imputati. A subire la pena maggiore è Oriol Junqueras, con 13 anni, seguito Raül Romeva, Jordi Turull e Dolors Bassa, con 12 anni. Jordi Sànchez e Jordi Cuixart sono stati condannati a nove anni. Per giustificare la sedizione, i magistrati sostengono che nell’autunno del 2017 ci fu una “rivolta e tumulto pubblico” in Catalogna.

L’ex vicepresidente Oriol Junqueras è stato condannato a 13 anni di carcere e 13 anni di interdizione dai pubblici uffici per il crimine di sedizione con appropriazione indebita. Gli ex consiglieri Raül Romeva, Jordi Turull e Dolors Bassa a 12 anni di carcere per sedizione e appropriazione indebita. L’ex presidente del Parlamento catalano Carme Forcadell a 11 anni e mezzo di carcere per sedizione. Santi Vila, Meritxell Borràs e Carles Mundó sono stati condannati solo per il reato di disobbedienza a un anno e otto mesi.
In questo modo, la corte presieduta da Manuel Marchena non condanna per ribellione, ma per sedizione con sanzioni molto elevate.


I magistrati “ritengono che l’esistenza della violenza sia provata”, ma aggiungono che “la scoperta di episodi indiscutibili di violenza non è sufficiente per proclamare che gli eventi costituiscono un crimine di ribellione”. In questo senso, la Corte Suprema sostiene che “la violenza deve essere una violenza strumentale e funzionale, direttamente predisposta, senza passaggi intermedi, ai fini che incoraggiano l’azione dei ribelli”.

D’altra parte, i giudici sostengono che “tutti gli imputati ora soggetti a procedimento giudiziario erano consapevoli della fattibilità legale manifesta di un referendum di autodeterminazione che è stato presentato come il modo per costruire la Repubblica di Catalogna”. Tuttavia, osserva che “nonostante l’esibizione retorica di coloro che sono stati accusati, è vero che, dal punto di vista del fare, era palese l’impossibilità degli atti concepiti per realizzare la promessa di indipendenza”.
Nella loro giustificazione sulla sedizione, i magistrati sostengono che “la difesa politica, individuale o collettiva” dell’indipendenza “non è costitutiva del crimine”. Invece, aggiungono: “lo è mobilitare la cittadinanza in una rivolta pubblica e in un tumulto che, inoltre, impedisce l’applicazione delle leggi e ostacola l’esecuzione delle decisioni giudiziarie”.

lunedì 7 ottobre 2019

ECONOMIA | l'evasione fiscale al sud è il doppio rispetto al nord


Articolo per "La Voce del Nord"

“Recupereremo sette miliardi dalla lotta all’evasione fiscale!”. Il grido di battaglia è arrivato pochi giorni orsono direttamente dalla bocca del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, all'interno del discorso col quale pomposamente annunciava di aver scongiurato l’applicazione delle clausole di salvaguardia, consistenti nell'aumento delle aliquote IVA, andando a reperire i fondi, oltre che al consueto aumento del debito pubblico per 14 miliardi, giustappunto sfoderando uno dei massimi dogmi tanto cari ai suoi nuovi alleati del Partito Democratico.

Memore delle esperienze passate in tema di annunci sulla lotta all'evasione fiscale e contributiva, che mai hanno portati agli incassi attesi dai governi (riprova lo è il fatto che a seguire sono apparse, in forme diverse e sotto differenti governo di ogni colore, numerose misure atte a proporre sanatorie e condoni miranti a coprire i mancati incassi previsti), potrei finire subito questo articolo bollando come ennesima manovra di propaganda il solenne annuncio.

E invece no, per una volta credo veramente nei propositi del governo e voglio dargli fiducia a patto che per una volta voglia seriamente andare a colpire i contribuenti disonesti laddove questi si concentrano maggiormente. Sarà una cosa difficile individuare tali regioni lungo l’italico stivale? Affatto! A mettere nero su bianco tali luoghi ci ha pensato lo stesso governo “giallorosso” in un corposo documento, allegato alla nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza del 30 settembre scorso.

Mi riferisco alla “Relazione sull'economia non osservata e sull'evasione fiscale e contributiva – anno 2019”, un documento di ben 268 pagine all'interno delle quali emerge con chiarezza come il peso dell’evasione presenti un constante aumento percentuale nel suo percorso dalle Alpi a Lampedusa.

Nella relazione il fenomeno dell’evasione è definita “economia non osservata”, composta da sotto-dichiarazioni dei redditi, attività generate dal lavoro irregolare, le componenti del sommerso economico (mance, fitti in nero e integrazione domanda-offerta) e l’economia illegale.

Ecco cosa scrive il governo: “L’incidenza dell’Economia Non Osservata è molto alta nel Mezzogiorno (19,0% del valore aggiunto), vicina alla media nazionale nel Centro (14,2%) e inferiore nel Nord-est (11,9%) e nel Nord-ovest (11,4%). La Calabria è la regione in cui il peso dell’economia sommersa e illegale è massimo, con il 20,9% del valore aggiunto complessivo, mentre l’incidenza più bassa si registra nella Provincia di Bolzano (10,4%). La Puglia e l’Umbria presentano la quota più alta di rivalutazione del valore aggiunto sotto-dichiarato (8,4%), seguite da Molise e Marche (entrambe 8,2%), mentre il sommerso dovuto all’impiego di input di lavoro irregolare prevale in Calabria (9,4% del valore aggiunto) e Campania (8,6%).”

E ancora: “La quota maggiore dell’Economia Non Osservata a livello territoriale è prodotta nel Mezzogiorno (30,9%) in cui prevalgono le componenti dovute all’impiego di lavoro irregolare (34,5%) e al restante sommerso economico (31,4%).”

Per farla breve l’evasione nel Mezzogiorno è il doppio rispetto a Lombardia e Veneto, proprio le due regioni accusate, da politici, amministratori e compagnia cantante meridionale, di volere una fantomatica “secessione dei ricchi” per le loro richieste di maggiore autonomia…

Come andrà a finire è difficile da prevedere, ma attendo fiducioso (fino ad un certo punto) la stesura di un programma governativo serio e dettagliato per andare a stanare l’evasione, di matrice per larga parte borbonica, che attanaglia questo paese. Nel frattempo sarà meglio per lombardi e veneti mettersi veramente in moto per ottenere quella maggiore autonomia di funzioni e risorse che i difensori delle terre di evasione contrastano piangendo miseria e frodando il fisco.


Ecco il link per scaricare tutta la relazione: http://www.mef.gov.it/documenti-pubblicazioni

martedì 24 settembre 2019

INDIPENDENZA | Nuovi arresti in Catalogna, l’accusa è di “aver pianificato il terrore”


Articolo per "La Voce del Nord"

C’era furia in Catalogna ieri dopo che 500 funzionari della Guardia Civil, che agivano su ordine del tribunale nazionale di Madrid, hanno effettuato una serie di raid mattutini nelle città vicino a Barcellona e arrestato nove attivisti indipendentisti.

Gli arrestati sono stati accusati di aver pianificato atti “terroristici” da mettere in atto nelle prossime settimane, in quanto membri di “un gruppo terrorista secessionista catalano”.

I magistrati ritengono che i detenuti abbiano legami con i Comitati per la difesa della Repubblica (CDR), una rete di assemblee istituite nel 2017 per difendere i tentativi di scissione dalla Spagna promuovendo proteste pacifiche.

La delegata del governo spagnolo in Catalogna, Teresa Cunillera, ha dichiarato: “È un’operazione giudiziaria. La polizia civile della Guardia sta seguendo gli ordini dei giudici per prevenire i crimini”.


Tuttavia, c’è indignazione tra i politici a favore dell’indipendenza e si sostiene che i raid siano stati programmati per spostare l’attenzione dai verdetti nel processo che vede imputati diversi politici catalani davanti alla Corte Suprema di Madrid.

Il presidente catalano Quim Torra ha reagito su Twitter, scrivendo: “La repressione continua ad essere l’unica risposta dalla Spagna. Stanno cercando di ricostruire una narrativa violenta nel periodo precedente al verdetto [del processo dei leader incarcerati]. Non ci riusciranno. Il movimento per l’indipendenza è e sarà sempre pacifico.”

I dirigenti dei CDR hanno dichiarato: “Non importa quante incursioni indiscriminate e detenzioni arbitrarie ci saranno, non fermeranno un popolo determinato e combattivo”.

Partiti a favore dell’indipendenza con parlamentari nel congresso di Madrid, la sinistra repubblicana di Catalogna (ERC) e Junts x Catalonia (JxCat) hanno chiesto al ministero degli affari interni spagnolo di riferire davanti alla camera bassa.

La portavoce di JxCat, Laura Borràs, ha dichiarato: “Questa è un’operazione opaca e criminale contro il movimento per l’indipendenza. Prima arrestano e poi indagano? Vogliamo una spiegazione.”
Una cosa è certa, la repressione centralista spagnola non di ferma, con buona pace dei principi di democrazia e libertà che sarebbero le radici della vecchia Europa, il tutto nell'assordante silenzio di tanti, di troppi.

lunedì 23 settembre 2019

❌🔴❌ Cos’è VOX España? 🔴❌🔴


Vox è stato fondato nel dicembre 2013 da Santiago Abascal e poi lanciato pubblicamente nel gennaio 2014. Nato dalla fuoriuscita di alcuni membri del Partido Popular, si è da subito distinto per alcuni tratti caratteristici: assoluta contrarietà ai separatismi (catalano e basco in testa), no alla politica fiscale e desiderio di riportare maggiore potere al governo centrale smantellando il sistema delle autonomie, istituito nel 1978 in Spagna. Vox si è autodefinita di “estrema destra” e di ispirazione “cristiano-democratica”. In Europa non a caso sono amici di Marine Le Pen e altre formazioni centraliste e anti-liberali.”

Oltre a tutto questo, di gran lunga sufficiente per mandarli a cagare anziché farci alleanze politiche (alquanto impossibili per partiti e movimenti che affondano le proprie radici nei principi di autonomia, autodeterminazione, indipendenza e federalismo, non certo per formazioni neocentraliste e sovratonte), usano anche uno slogan che oggi definiremmo “renziano”...

lunedì 22 luglio 2019

POLITICA | “CHIAGNERE” (miseria) e “FOTTERE” (risorse), come sempre al NORD…


Articolo per "La Voce del Nord"

In queste giornate di fermento sul tema dell’autonomia, chiesta a gran voce da Lombardia e Veneto, il terreno di scontro principale rimane sempre lo stesso, le risorse a disposizione delle regioni che compongono lo stivale, molte delle quali incapaci di spenderle in maniera adeguata.
Nel merito uno degli scogli principali che emerge nel dibattito tra il governo e le regioni padane riguarda i risparmi generati da una maggiore efficienza amministrava nella gestione delle competenze trasferite che il governo vorrebbe tenersi in cassa a Roma, se non redistribuire alle regioni meridionali, i cui esponenti di ogni grado e impenitenza non passano giorno senza piangere miseria, puntando perennemente il dito contro i cattivoni del nord che hanno l’ardore di chiedere di poter gestire una quota maggiore delle tasse che pagano grazie al proprio lavoro.
Tasse che nell’ex Regno delle Due Sicilie si guardano bene dal pagare, come emerge da uno studio dell’Università della Tuscia (non il primo peraltro n.d.r.) riportato brevemente sul sito del Corriere della Sera di sabato 20 luglio, la cui lettura consiglio a tutti per comprendere per l’ennesima volta, se mai ve ne fosse bisogno, come il detto napoletano “chiagni e fotti” sia l’unico vero e proprio “programma politico” che anima tutti coloro che, da certe latitudini, si scagliano contro la voglia di autonomia di lombardi e veneti.
Ecco l’articolo, buona e incazzata lettura…
L’economia sommersa non dichiarata dalle persone fisiche ammonta in Italia a circa 119 miliardi di euro. E nelle regioni del Sud il fenomeno è più accentuato, specie in Campania, Calabria e Sicilia. È quanto emerge da uno studio del Dipartimento Economia impresa e società dell’università della Tuscia che ha esaminato i dati delle ultime dichiarazioni dei redditi, relative al 2017, confrontandoli con i consumi delle famiglie nello stesso anno. Esiste, rileva l’indagine, un divario del 17,5% tra il reddito disponibile degli italiani ed i loro consumi. In pratica il valore del sommerso Irpef è 5 volte superiore ai 23 miliardi che servono per evitare gli aumenti Iva.
In sostanza, spiega lo studio, pur ipotizzando che non sia stato risparmiato nulla da nessuno in Italia nel 2017, si sono spesi 118,8 miliardi in più di quanto è stato dichiarato (e che al massimo poteva essere speso). La ricerca non considera l’intera casistica delle società di capitali (che non distribuiscono utili ai soci persone fisiche) né l’Iva, quindi il divario individuato attiene solo il mondo delle persone fisiche. Guardando alle singole Regioni, al primo posto la percentuale di divario più alta si registra in Campania (29,02%), segue la Calabria (26,77%) e la Sicilia (26,51%); la percentuale più bassa è invece rilevata nelle Marche (1,17%). Considerando il biennio 2016/2017, il sommerso vale circa 217 miliardi, ed è sempre la Campania al primo posto con la percentuale più alta (24,97%), seguita da Lazio (22,59%) e Molise (22,56%); la percentuale più bassa è invece nelle Marche in cui è negativa (-0,22%): la spesa media complessiva è cioè inferiore al reddito disponibile.

venerdì 19 luglio 2019

POLITICA | L’autonomia “secondo il PD” non è vera autonomia.


Col seguente articolo inizia la mia collaborazione con "La Voce del Nord", buona lettura.

Sul sito www.huffingtonpost.it  è apparso in articolo dal titolo molto chiaro “L’autonomia secondo il PD”, un testo che in poche righe esprime il pensiero del partito oggi di Zingaretti e ieri di Renzi (cui si deve la riforma costituzionale, poi bocciata dal referendum, che restringeva di molto le autonomie n.d.r.) su un tema molto sentito in particolare da lombardi e veneti.

Cosa si evince dallo scritto? Semplicemente che l’autonomia secondo il PD non è la vera autonomia chiesta dai 5.000.000 di elettori che hanno votato a favore dei referendum del 22 ottobre 2017. In particolare gli estensori del testo già dalle prime righe vanno già al nocciolo della questione affermando che: “Le suggestioni leghiste di istituire nuove Regioni a statuto speciale o di trattenere sui territori i cosiddetti residui fiscali hanno avvelenato il confronto di questi mesi, rendendo impossibile qualsiasi concreto passo in avanti.”

In altre parole, la cassa non si tocca e deve gestirla sempre Roma, come è esplicitato nel passaggio che ribadisce come: “Per quanto riguarda l’attribuzione di risorse, riteniamo sia da escludere decisamente qualsiasi ipotesi fondata sul criterio della spesa media procapite – che finirebbe per accentuare i divari territoriali già esistenti – mentre riteniamo necessario individuare, oltre al criterio della “spesa storica”, meccanismi che consentano a tutte le regioni di beneficiare, secondo un principio di solidarietà, di una parte dei vantaggi (anche di carattere finanziario) del recupero di efficienza connessi all’autonomia.”

Un modo come un altro per dire al Nord “taci e paga!” e se risparmi denaro mantenendo buono i livelli dei servizi ai tuoi cittadini quei risparmi dovranno finire a chi non è capace nemmeno di svuotare i cassonetti della propria “monnezza” (ogni riferimento alle perenni crisi dei rifiuti di Roma, Napoli e Palermo è assolutamente voluto…).

Per il resto il testo prosegue con le solite formule tanto care ad una certa sinistra che di evolversi verso modelli di “progressismo” come quelli catalano e scozzese non ne vuole sentire, basta leggere le prime righe dove si afferma che: “Proponiamo un modello di autonomia giusta, che rispetti i principi di solidarietà su cui si fonda la Repubblica, “una e indivisibile”, e che miri al miglioramento e all’efficienza dei servizi nell’intero Paese.”

Delle ataviche inefficienze, degli sprechi, degli sperperi, delle clientele, dell’assistenzialismo, eccetera, eccetera, che attanagliano le regioni meridionali, nonché delle possibili soluzioni di cui necessitano veramente i cittadini onesti del sud nessuna traccia. Peccato, ennesima occasione sprecata.

giovedì 6 giugno 2019

CULTURA CREMA | verso l'ennesimo "mestér cremàsch" ?


In questi giorni gli utenti di Facebook e Instagram, come il sottoscritto, hanno notato una serie di post dedicati al rilancio del sito www.culturacrema.it, che cito testuale essere il "PORTALE DELLE INIZIATIVE CULTURALI E TURISTICHE organizzate, promosse e/o patrocinate dal Comune di Crema".

Rilancio basato sull'apertura di una pagina su Facebook ed un profilo su Instagram tramite i quali veicolare il messaggio che "Crema rilancia la propria immagine per raccontarsi nei valori e nell'attrattiva!"


Progetto "social" ambizioso che mi auguro possa portare risultati concreti per la città. Risultati che passano però dalla capacità di arricchire e completare con contenuti e iniziative il messaggio originale.
Questo perché se la singola fotografia su Instagram può essere utile per attrarre attenzione, questo interesse deve essere coltivato e finalizzato nel momento in cui l'utente accede al suddetto "portale" mettendo a sua disposizione servizi e informazioni sempre aggiornati.

Ed è in questo passaggio che nascono i problemi, alcuni dei quali avevo già evidenziato in un post del 21 gennaio 2017. Se da un lato il sito presenta un calendario ricco degli eventi in programma, i problemi nascono scorrendo la pagina ed arrivando alla sezione con i link ad altri siti che vengono presentati come "SITI PARTNER SCOPRI LE LORO INIZIATIVE CON UN CLIK".

Allora...

Teatro San Domenico - irraggiungibile nel momento in cui scrivo (magari ha solo cambiato indirizzo e gli amministratori devono solo aggiornare il link).

Extraordinary Crema - creato come www.turismocrema.it in occasione dell'Expo di Milano, rimasto aggiornato al 2015!?!? sul quale è possibile prenotare la navetta per un evento chiuso da quattro anni.

Made in Crema - ultimo post a dicembre 2018 e penultimo a dicembre 2016...

Crema 2016 - sito dedicato a Crema Città Europea dello Sport e fermo al 31 dicembre 2016...

Come ho scritto in premessa, nonostante queste "perle", l'augurio che il progetto possa portare risultati rimane, così come il timore che tutto finisca nel solito "mestér cremàsch".

martedì 23 aprile 2019

Sant Jordi e la libertà per i prigionieri politici


Nella giornata in cui la Catalogna celebra San Giorgio (Sant Jordi in catalano), suo Santo Patrono, il pensiero non può che correre al carcere di Madrid dove sono rinchiusi, da fin troppo tempo, dodici prigionieri politici catalani contro i quali, in queste settimane, lo stato spagnolo sta celebrando un processo dal chiaro sapore “franchista”.
Il tutto nel silenzio assordante delle forze politiche “democratiche” di tutta Europa e col compiacimento di quelle “sovraniste”, come gli spagnoli neofranchisti di Vox.

domenica 14 aprile 2019

CREMA | nuova ZTL, polemiche e una proposta per il futuro.


Ancora polemiche e inviti al dialogo sul progetto di nuova ZTL in quel di Crema.
Bene hanno fatto i rappresentanti dell'opposizione a richiamare la giunta comunale a mostrare maggiore apertura al dialogo e al confronto con gli attori interessati, siano essi cittadini, associazioni del commercio e non solo e la cosiddetta "società civile".

I problemi di un allargamento della zona a traffico limitato attuale, in tutta sincerità non mi vede particolarmente contrario, a patto però che se ne valuti la reale efficacia e utilità, magari differenziandone la fruibilità durante la settimana e in periodi particolari così come in occasione di manifestazioni ed eventi di particolare interesse e impatti sulla città.

Richiami continui, lanciati in diverse occasioni in questi anni, vuoi sul progetto di riqualificazione di Porta Ombriano, peraltro cambiato più volta in corso d'opera, per continuare su Piazza Garibaldi, fino alla nuova viabilità di Via Cadorna/ Via Cremona caduti costantemente nel vuoto di una sordità frastornante da parte degli amministratori pro-tempore della nostra città.

Nulla di sorprendente in questo atteggiamento che parte dalla mancata comprensione prima, sfociata nel suo palese smantellamento, di quello che doveva essere uno strumento adatto a discutere con i diversi attori presenti sul territorio comunale delle problematiche riguardanti lo sviluppo, il marketing territoriale, l'offerta turistica e commerciale della città. 
Uno strumento chiamato "Distretto del Commercio", che in diverse realtà in questi anni ha dato buoni frutti ma che a Crema in pochi hanno creduto, ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Per questo, nella prospettiva di una nuova offerta amministrativa, le attuali forze di opposizione dovrebbero da subito mettere al centro di un moderno e propositivo modello di gestione della città, il rilancio se non del distretto stesso quantomeno della sua filosofia che resta attualissima.